Dieta chetogenica e cancro: pro e contro del regime alimentare

Dieta chetogenica e cancro: pro e contro del regime alimentare

Dieta chetogenica e cancro: pro e contro del regime alimentare


In animali di laboratorio questo approccio alimentare sembra contrastare lo sviluppo di alcuni tumori, ma porta con s importanti effetti negativi su altri fronti.

Secondo quanto si legge sulla rivista Cell Metabolism, la dieta chetogenica potrebbe rappresentare un importante ed efficace strumento contro il cancro, ma bisogna prestare grande attenzione anche alle conseguenze negative che provoca a livello del metabolismo.

Il cancro , sotto molti aspetti, una malattia metabolica: il tumore causa infatti numerosi cambiamenti metabolici che influenzano lassorbimento e lutilizzo dei nutrienti, tanto da indurre, nelle fasi avanzate della malattia, la cachessia spiegano i ricercatori, guidati da Tobias Janowitz, scienziato del Cold Spring Harbor Laboratory e del Northwell Health Cancer Institute di New Hyde Park, nello stato di New York, nonch ultimo autore dellarticolo.

La cachessia un progressivo indebolimento dellorganismo, caratterizzato da perdita di peso e massa muscolare, ed associata a esiti peggiori della malattia. 
Secondo i ricercatori, la dieta chetogenica, ricca di grassi e povera di carboidrati, colpisce la dipendenza delle cellule tumorali dallo zucchero riducendo linfiammazione e rallentando la crescita tumorale, ma in alcuni tumori causa cachessia.

Per valutare leffetto di questo regime alimentare sul tumore e sullorganismo, i ricercatori hanno studiato topi di laboratorio con cachessia, sottoposti a dieta chetogenica. 
I dati raccolti hanno dimostrato che questo tipo di alimentazione associata a un rallentamento della crescita del tumore, ma anche a una accelerazione della cachessia e a una riduzione della sopravvivenza.

In estrema sintesi, le cellule del tumore muoiono a causa di un processo di morte cellulare, chiamato ferroptosi, che innescato dai cambiamenti metabolici della dieta chetogenica. 
I ricercatori hanno anche osservato una ridotta sintesi del corticosterone, che riduce a sua volta la capacit dellorganismo di adattarsi a questi cambiamenti metabolici.

Il trattamento con un corticosteroide sintetico (desametasone) ritarda linsorgenza di cachessia e migliora la sopravvivenza dei topi nutriti con dieta chetogenica, pur preservando la risposta antitumorale hanno detto i ricercatori. 

Il nostro studio ha messo in luce la necessit di valutare gli effetti di interventi sistemici sul tumore e sulla persona in toto per determinarne in modo accurato le potenzialit terapeutiche. Questi dati possono essere importanti nel contesto delle ricerche cliniche che valutano interventi nutrizionali come la dieta chetogenica in pazienti oncologici hanno concluso gli autori.


Fonte AIRC aggiornamento: 25 ottobre 2023
torna alla pagina precedente
torna su