Quota 100 nella Pubblica amministrazione. L'80% riguarda la sanitÓ

Quota 100 nella Pubblica amministrazione. L'80% riguarda la sanità

Ammontano a 10.336 le domande di uscita anticipata per i dipendenti pubblici che agganciano i 62 anni di etÓ e i 38 di contributi chiesti da Quota 100, operativa nella pubblica amministrazione dal mese di agosto. Lo fa sapere l'Inps diffondendo i primi dati ufficiali sugli effetti della misura varata dal governo giallo-verde. Nel privato il meccanismo Ŕ attivo giÓ da aprile mentre si Ŕ preferito dare un po' pi¨ di tempo agli uffici pubblici per organizzarsi, viste le carenze di personale ereditate dal blocco del turnover. Buchi sentiti soprattutto nelle amministrazioni direttamente al servizio del cittadino. E infatti gli addii, almeno stando alla prima tranche, si concentrano proprio negli ospedali e negli enti locali.

 Dati alla mano circa l'80% se ne va dalle autonomie e dalla sanitÓ. Ecco che da Comuni, Regioni e Province arriva il 55,1% delle richieste, ben 5.694. La sanitÓ se ne accaparra oltre un quinto, il 22,6%, corrispondente a 2.344 domande di ritiro. Di queste la stragrande maggioranza proviene da infermieri, fisioterapisti, analisti, tecnici radiologi o di laboratorio, amministrativi (2.023). Mentre per ora le uscite di medici, che ovviamente rappresentano un universo pi¨ limitato, sono contenute (321 insieme ai veterinari). Un'altra fetta importante fa capo a ministeri e agenzie fiscali (1.612). Ma il bilancio sarebbe destinato ad aumentare. Tra Quota 100 e Legge Fornero la previsione Ŕ di 250 mila uscite solo per quest'anno. 

Anaao Assomed vede papabili per Quota 100 circa 38 mila medici in tre anni. Ma l'uscita anticipata non converrebbe a molti a causa di "penalizzazioni" che vanno dai limiti alla libera professione al divieto di cumuli, sostiene l'Anaao. L'effettiva fuoriuscita si manterrebbe cosý intorno alle 24 mila unitÓ. Ai pensionamenti dei camici bianchi si aggiungono quelli dei cosiddetti paramedici. Fonte Doctor 33
torna alla pagina precedente
torna su